Duo flauto dolce-chitarra

CURRICULUM

GIORGIO MATTEOLI

E’ diplomato in violoncello, flauto dolce e musica da camera presso il conservatorio di S. Cecilia nonché laureato in lettere ad indirizzo storico musicale presso l’Università di Roma. Oltre ad aver seguito studi  composizione, contrappunto e direzione d’orchestra nei conservatori di Milano e Como si è specializzato nell’esecuzione del repertorio antico, sia col flauto che col violoncello, collaborando con rinomati ensemble ed istituzioni concertistiche tenendo recital e concerti anche come direttore d’orchestra in Italia e all’estero (Croazia, Francia, Montecarlo, Spagna, Albania, Ungheria, Israele, Romania, Giappone, Germania, Turchia…). Solista per la colonne sonora della Cooproduzione internazionale “La Bibbia” vincitrice dell’oscar americano ” Kable Ace” (musiche di E. Morricone e M. Frisina) ed autore di articoli musicologici per la rivista di musica antica Orfeo, CD Classic, è attualmente docente di ruolo di flauto dolce e musica d’insieme per strumenti antichi presso il Conservatorio Cherubini di Firenze e Fondatore dell’ Ensemble barocco “Festa Rustica”. L’Ensemble annovera nella sua vasta discografia (iniziata con l’integrale dei concerti per flauto ed archi di F. Mancini, Cd premiato negli U.S.A. dalla rivista “Fanfare” come una delle migliori incisioni di musica classica al mondo per il 1995) anche molte prime assolute (Concerti per flauto di Fiorenza, Sonate per violoncello di Cervetto, Musiche sacre per soli, violoncello obbligato ed archi di Francesco Antonio Vallotti oltre l’integrale delle sonate per flauto dolce e Basso continuo di Haendel) e diverse incisioni di musica barocca pubblicate dalle case discografiche Agorà, MAP Edition, Da Vinci Classic, Amadeus Elite, ASV Gaudeamus. Giorgio Matteoli ha tenuto masterclass in Italia ed Israele ed è ideatore e direttore artistico del fortunato festival cameristico “Brianza Classica”, giunto alle soglie della XVI edizione.

STEFANO PALAMIDESSI

Studia chitarra e composizione, diplomandosi presso il Conservatorio “S.Cecilia” di Roma con il massimo dei voti. E’ vincitore di oltre 20 competizioni chitarristiche internazionali e nazionali. A 20 anni intraprende l’attività concertistica, come solista, con orchestra ed in collaborazione con prestigiosi solisti, tenendo concerti e registrazioni per oltre 16 emittenti TV e radio in tutto il mondo. Come solista e componente di varie formazioni cameristiche ha registrato 15 CD’s per le etichette Nuova Era, Ribot Classic, EdiPan, Rivo Alto, Niccolò, Guitart Collection, Brilliant Classics, Bridge Records NY. Tiene corsi di perfezionamento in Italia e all’estero. E’ titolare della cattedra di chitarra nei corsi di Laurea di primo e secondo livello presso il Conservatorio di Musica di Frosinone. Autore di “Metodogia dello studio ed esercizi tecnici per chitarra” (1999), nel gennaio 2000 ha inaugurato la collana didattica “Guitart” con una pubblicazione sugli studi di Fernando Sor (analisi, indicazioni di fraseggio, articolazione e diteggiatura). Dopo la prima registrazione mondiale dell’integrale delle Fantasie di Fernando Sor, edita in 3 cd’s dall’etichetta Olandese Brilliant Classics, per la stessa etichetta sta preparando l’integrale per chitarra di Eduardo Sainz de la Maza. Ha in preparazione nuove registrazioni discografiche e pubblicazioni per l’etichetta Giapponese Da Vinci Editions.E’ Direttore della Civica Scuola delle Arti di Roma, vicepresidente e direttore organizzativo dell’Ass. Fabrica Harmonica.

 


PROGRAMMI

 
 
 

RASSEGNA STAMPA

domenicoscarlattiüberalles
Per il ciclo Suoni in Basilica, nell’ambito di Convivio Armonico di Area Arte, il bellissimo Concerto del duo formato da Giorgio Matteoli e Stefano Palamidessi

un piacevole percorso dalle musiche moderne di Satie, Granados, Grieg, al barocco di Telemann, Bach, Haendel, Van Eyck. Ottime esecuzioni grande intesa tra i due artisti una serata di ottima musica…Una sala pienissima un successo meritatissimo tanti applausi e un bis finale di Piazzolla.

Convivio Armonico di Area Arte propone la panoramica “A ritroso nel Tempo” del duo Matteoli-Palamidessi

Nel complesso un interessante excursus, costituito da brani piacevoli, impreziositi dalla presenza di due interpreti (autori anche dei diversi arrangiamenti), apparsi molto bravi singolarmente e ben affiatati fra loro. Pubblico numeroso, che ha mostrato un elevato gradimento nei confronti dei brani ascoltati, applaudendo a lungo gli esecutori. Questi ultimi hanno quindi concluso in grande stile la loro esibizione, con un bis rivolto alla musica argentina del Novecento, ritornando così vicini al punto dal quale erano partiti.

 

MEDIA